Odor di santità

– Buongiorno, angeli!
– Buongiorno, demone!
Il prof se l’è meritata. Faccia meno ironia, via.
– Cos’era il Paradiso terrestre, ve lo ricordate?
– Quello dove c’erano i dinosauri, prof.
Se l’è meritata anche questa. Solo perché in due chiedono di leggere “La Divina Commedia” bisogna ammorbare tutti con Dante? Se per questo c’è anche quell’altro che ieri ha tirato fuori Kierkegaard: ma siamo forse pronti per l’esistenzialismo? Non scherziamo, per cortesia.
– Adesso abbiamo lezione con l’angioletto…
Benissimo: bravi! Essi ripagano le squisitezze con la stessa moneta. Ci avviciniamo alla fine dell’anno e i maestri sono destinati a venir superati dagli allievi. Ma il prof non si demoralizzi e si ricordi che c’è pure qualcuno che ne sta seguendo le orme e ha già completato di scrivere un intero romanzo.
– Ragazzi, non chiedetemi mai più di uscire per andare in bagno. Basta!
– Non ci chiama più angeli, quindi?
Bang, un colpo al cuore. D’improvviso si ritorna al punto di partenza, tutto è azzerato. Indietro all’inizio dell’anno, a un’altra scuola, all’infanzia più subdola. Ricatti morali, occhioni languidi, lacrime in tasca, cani bastonati.
Essi hanno l’ultima parola. Sempre.
dante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...