Bella zio!

Alla fine essi hanno prodotto. Hanno scritto, hanno provato e poi si sono esibiti. Testi rap e canzoni pop. Ce l’hanno fatta. L’anno scorso mi avevano illuso col testo teatrale: inizio sfavillante – facciamo facciamo! – e finale desolante senza nulla di fatto.

Cinque classi, cinque testi, cinque stili diversi.

Riferimenti alle loro materie pratiche: “La besciamella tipo cemento Mandiamo il ristorante in fallimento”

Riflessioni filosofiche: “Le colonne stanno su da sole Le hai mai viste fare le capriole?”

La condizione di studente che strizza l’occhio alla poesia: “Con il volto bianco la prima ora sono stanco Se sto come d’inverno con il freddo sopra il banco”

Ambizione: “L’ossimoro lo dissero quelli che a scuola dissano Ma loro rischiano come sassi verso un vetro limpido”

Una spruzzata di saggezza dialettale: “Saria mejo magnar panoce che osei”

Grande soddisfazione del prof, devo dire. Bel momento di condivisione per tutti.

Presto proporrò i video delle interpretazione, il progetto non si ferma ma continua.

Cosa aggiungere? Yo!

fotina

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...